News

Samsung Galaxy Home, ufficiale lo speaker con Bixby integrato

By 11 agosto 2018 No Comments

Samsung ha annunciato il suo ingresso nel settore degli smart speaker, e il prodotto con cui entrerà a farne parte è Galaxy Home. Si tratta di un altoparlante con funzionalità “smart” di fascia alta, che ha l’ambizione di competere con Apple HomePod e con i prodotti più costosi delle famiglie Amazon Echo e Google Home. Samsung ha dichiarato che l’obiettivo in sede di progettazione è stato ottenere “un gran suono e un design elegante”.

Samsung Galaxy Home ha l’aspetto di un vaso sorretto da alcuni piedini metallici e rifinito con la tela tipica di questa categoria di prodotto. La parte superiore è piatta e implementa i diversi tasti per i comandi per la riproduzione: l’utente può così passare da una traccia all’altra e modificare il volume a proprio piacimento. Attraverso i sei altoparlanti integrati lo speaker dovrebbe offrire una sorta di effetto surround, con le frequenze più basse che vengono amplificate dal subwoofer integrato.

Non manca un intero array di microfoni (per la precisione otto) che ha il compito di “ascoltare” cosa succede in ambiente e recepire i comandi da parte degli utenti. L’utente deve semplicemente pronunciare “Hi, Bixby” per richiamare l’assistente virtuale (che non è quindi Google Assistant, ma quello proprietario di Samsung non ancora disponibile in Italia) e chiedere qualsiasi informazione supportata (più o meno le stesse che può dare l’assistente su smartphone).

Samsung non ha annunciato tutti i dettagli del nuovo smart speaker, e maggiori informazioni sul prodotto verranno divulgate a novembre all’interno di una conferenza dedicata agli sviluppatori. Uno dei dubbi più diffusi su Galaxy Home è relativo alla presenza di Bixby come tecnologia di assistenza virtuale, visto che l’assistente virtuale non è mai stato particolarmente apprezzato dalla critica e probabilmente non gode della stessa popolarità di Google Assistant e Amazon Alexa.

Per avere successo il nuovo smart speaker coreano deve contrastare (sia in funzioni che in affidabilità) la concorrenza diretta all’interno di un mercato che si sta mostrando sempre più affollato. Negli USA Amazon ha già spopolato, riuscendo anche ad inserire Alexa su prodotti di terze parti, e anche Google ha già piazzato milioni di Home sul mercato americano. E, probabilmente, i due concorrenti arriveranno con nuovi prodotti prima della stagione natalizia.


Source link

Lascia un commento

x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.