News

Meno GPU per il mining, prezzi in calo per i videogiocatori

By 2 luglio 2018 No Comments

E’ forse giunto il momento della rivincita per gli appassionati di
videogiochi
, che da tempo vedono i prezzi delle schede video di fascia più
alta posizionati su livelli ben più elevati dei prezzi medi di mercato
suggeriti? Il boom della domanda di schede video legato al fenomeno del
mining delle criptovalute è ormai in forte calo, e per sostenere le
vendite i produttori stanno riallineando verso il basso i listini.

Stando a quanto anticipato dal sito

Digitimes
, si tratta di un calo del 20% circa nei listini praticato
dai produttori nel corso del mese di luglio: un risultato importante per i
videogiocatori, che già negli ultimi mesi avevano potuto apprezzare una
riduzione nei prezzi medi di vendita legata proprio ad una offerta di mercato
superiore alla domanda.

Non solo i produttori sono alle prese con una riduzione dei listini per
sostenere la domanda da parte dei videogiocatori. Anche chi ha acquistato grandi
volumi di schede video negli ultimi 12 mesi, cioè i miners, sono al momento
attuale alle prese con la necessità di mettere in vendita nel mercato
dell’usato alcune delle proprie schede
ora che il rendimento del mining è
sceso considerevolmente.

Di tutto questo beneficiano i videogiocatori, che possono acquistare
schede video top di gamma nuove o usate a prezzi che stanno finalmente
ritornando ad essere concorrenziali. Questo in attesa del debutto della
prossima generazione di schede video di fascia più alta
, per le quali
NVIDIA
prepara il lancio di proprie soluzioni con un annuncio che, come
abbiamo segnalato varie settimane fa, punta sempre più nella direzione del
Gamescom di Colonia della seconda metà di agosto.


Source link

Lascia un commento

x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.